A New York come ogni anno, il gala nel ricordo di Joe Petrosino da: “La Voce d’NY”

In memoria del poliziotto neyorkese ucciso 105 anni fa dalla mafia a Palermo, la Lt.Det. Joseph Petrosino Association in America ha consegnato in un locale di Howard Beach gli annuali riconoscimenti.Immagine
Il nome di Joe Petrosino è molto noto a New York: un poliziotto italoamericano che nei primi anni del Novecento si distinse per la sua lotta alla Mano Nera,l’organizzazione di stampo mafioso che dilagava a Little Italy. Ricatti, estorsioni, omicidi,avevano presa facile tra gli immigrati italiani che vivevano in condizioni di grande povertà e ignoranza, era diventata una questione di ordine sociale, ma anche economica, culturale, e l’allora assessore della Polizia Theodore Roosevelt (diventato poi presidente degli Stati Uniti) ripose la sua fiducia in questo poliziotto italiano serio, determinato, coraggioso, promuovendolo sergente e mettendolo a capo di una squadra per combattere la criminalità in quei quartieri dove la mafia stava rovinando la vita di centinaia di migliaia di persone.Non erano solo il senso del dovere e l’etica del lavoro a spingere Petrosino a prendere a cuore quella che era per lui in realtà una missione: si trattava della vita di uomini e donne che conosceva bene, che vivevano in condizioni di estrema difficoltà,che venivano messi in ginocchio dalla mafia, derubati, terrorizzati,uccisi, e sapeva che le radici di quel male erano da ricercare anche altrove, in quell’Italia da cui anche lui veniva.Le sue tecniche investigative furono innovative,lavorava sotto copertura, risolse casi importanti, da sergente divenne tenente, Lieutenant Detective per l’esattezza, del New York Police Department, e in questa veste andò in Sicilia il 12 marzo del 1909, in una missione top secret ma, si sa, le voci corrono in fretta, Joe Petrosino era atteso, e venne assassinato a poche ore dal suo arrivo nella centralissima Piazza Marina di Palermo.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati